Fondazione Luigi Longo


Vai ai contenuti

Menu principale:


Da Melissa a Valenza

eventi > mostre > passione civile

Da Melissa a Valenza
Toni Nicolini

Il racconto per immagini Da Melissa a valenza è una narrazione a due voci e con due diversi linguaggi, fotografico e pittorico.
In Italia è conservato un enorme patrimonio di narrazioni pittoriche, creato nel corso di tanti secoli dagli autori di affreschi sulle pareti di grandi palazzi pubblici, castelli, ville chiese, conventi, sacri monti... Sono resoconti di battaglie, istruttivi episodi del Vangelo e delle vite dei Santi, terrificanti scene si dannati all'inferno, ma anche più allegre storie di vita profana, con giochi erotici e scene di caccia.
E' un patrimonio millenario che naturalmente la fotografia, per la brevità della sua storia, non può vantare. La consapevolezza delle possibilità narrative della fotografia si è introdotta lentamente e quasi furtivamente in Italia per merito di altre culture già riconosciute: la cultura letteraria e quella cinematografica.
Penso sia utile seguire brevemente un percorso all'interno del movimento neorealista e del mondo della cultura fotografica che ci possa condurre al momento e al clima culturale in cui è stato realizzato il murale alla Casa del Popolo di Valenza. [....]
Da Melissa a Valenza esprime la nostra partecipazione alla vita di una famiglia di emigrati, e il nostro sforzo di chiarirne il significato, nel contesto più vasto dell'attuale momento storico.
Ci siamo, in un certo senso, divisi i compiti, a seconda dei mezzi espressivi usati, la pittura e la fotografia; tuttavia abbiamo sempre mirato a raggiungere un risultato unitario. Per fare questo, lo scambio di idee tra di noi è stato continuo, e abbiamo anche richiesto e ricevuto consigli da un gruppo di amici fotografi, pittori, grafici, critici di arti visive del Centro per la Cultura nella Fotografia e dagli stessi lavoratori di Valenza. [...]


Torna ai contenuti | Torna al menu